Lo Stato chiama «legge» la propria violenza, e «crimine» quella dell'individuo.