Nel maggio 1998 il Viminale guidato da Napolitano non riesce a evitare la fuga all’estero del capo della P2 Licio Gelli