La libertà di parola non deve essere regolata come le mandrie malate o il burro impuro. Il pubblico che ha fischiato ieri può applaudire oggi, anche per la stessa rappresentazione.