È buffo come a volte basti un gesto, un movimento, una situazione, una parola per aprire un orizzonte dove fino a un secondo prima c’era un muro.